L’INFORMAZIONE PRECARIA
3 ottobre 2016
0

Gli effetti della globalizzazione valgono per tutti e i giornalisti non fanno eccezione. Il precariato diventa la norma e riuscire a vivere con i prodotti intellettuali (l’informazione lo è) diventa sempre più difficile.
In questo articolo che proponiamo dalla testata informaionesenzafiltro.it, a firma di Sergio Ferraris, possiamo conoscere un punto di vista sul lavoro del giornalista e non solo sulla dimensione romantica. L’articolo comincia con

Reuters Congo correspondent David Lewis (L) takes cover under a U.N. armored car during machine gun and mortar fire in Kinshasa November 11, 2006. REUTERS/Goran Tomasevic
Reuters Congo correspondent David Lewis (L) takes cover under a U.N. armored car during machine gun and mortar fire in Kinshasa November 11, 2006. REUTERS/Goran Tomasevic

“Freelance. Una parola che se pronunciata in italiano o in inglese assume significati diversi, profondamente diversi, specialmente per quanto riguarda il giornalismo. A una qualsiasi conferenza stampa all’estero, specialmente nei paesi anglosassoni, definirsi “freelance” significa suscitare sguardi d’ammirazione, mentre fare la stessa cosa in Italia significa suscitare sguardi di commiserazione. E non si tratta di una cosa casuale, ma in realtà di un sintomo di come sia strutturata la carriera del giornalista all’interno della filiera dell’informazione.
Vediamo. All’estero essere freelance significa essere a un punto d’arrivo, a un traguardo, a un livello della carriera tale da non dover più dipendere da una gerarchia di comando giornalistica come quella di una redazione. Insomma significa essere più liberi rispetto ai colleghi di redazione. Insomma significa essere andati oltre, spesso esplorando terreni di frontiera, come propri progetti o reportage. In Italia invece è esattamente l’opposto, anche se negli ultimi anni la situazione sta cambiando pure oltre confine” [continua nel sito informazionesenzafiltro.it]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi